Italiano | English
VERSO CAMPO MAGGIORE

 

 

La principale area verde incontaminata è quella ubicata tra la località Acqua del Litto e il bosco Cerreto che si raggiunge seguendo la strada di collina che da Mugnano del Cardinale va a S. Pietro a Cesarano, Fontana e Castello del Litto, Campo di Spina, fino al Campo Maggiore, non lontano dal Santuario di Montevergine nel comune di Mercogliano.

Sull’area insistono alcuni sentieri, ma uno in particolare è vivo nel ricordo di tutte le popolazioni dell’alto Clanio, l’attuale Cerreta ovvero: l’antico “sentiero della neve”.

 


L’antica mulattiera, ricordata anche per le grandi fatiche richieste per il trasporto della “neve ghiacciata”, dal Medio Evo fino ai primi decenni del Novecento è stata il crocevia alternato della maggior parte della popolazione attiva del territorio che era dedicata alla raccolta e alla conservazione della neve per la realizzazione del “ghiaccio naturale”.

 

 

 

Il sentiero – da cui si gode una inedita vista della Pianura Campana, sino al colle di S. Martino a Napoli e, in assenza di foschia, al mare - parte dal pianoro di Campo di Spine e raggiunge quello di Campo Maggiore nel Comune di Mercogliano.

Tale sentiero, riveste un importante ruolo come percorso socio-culturale, attraverso la memoria storica del territorio ed è inoltre un itinerario paesaggistico ambientale di notevole interesse.

Percorrendolo, si possono incontrare specie animali e faunistiche caratteristiche della zona del Baianese, nonché scorci paesaggistici di notevole pregio.